#musica, Rock, teatro

” JANIS – Take another little piece of my heart “

Uno spettacolo teatrale ideato da Luca Cecchelli per conoscere Janis Joplin, affascinante adolescente inquieta avvolta nel mito rock

Davide Del Grosso e Marta Mungo in una scena di “Janis”

Il Teatro del Buratto compie una nuova tappa teatrale nel proprio percorso di attenzione alle tematiche giovanili legate alla sfida e al disagio del diventare grandi, del realizzarsi nel passaggio all’età adulta trovando nuove interazioni nella relazione con sé stessi, con gli altri e con la società. «Un percorso fatto di scelte difficili, cadute e conquiste, errori e vittorie, che da tempo stiamo raccontando attraverso alcune nostre produzioni, basandoci in particolare sul confronto con i giovani delle scuole secondarie e con i loro referenti adulti (genitori, docenti, educatori)», spiega Franco Spadavecchia, direttore artistico e produttore. «Ad esse ora si affianca questa novità ideata dal giornalista Luca Cecchelli, uno spettacolo che trae spunto da una figura affascinante e inquieta, avvolta dal mito del rock che rivive nella sua personalissima voce: Janis Joplin». Titolo della pièce: “JANIS – Take another little piece of my heart”, in scena al Teatro Bruno Munari di Milano dall’1 al 3 ottobre.

“Piece of My Heart”, brano reso celebre da Janis Joplin, che ha ispirato il titolo dello spettacolo
(Live a Gröna Lund, Svezia, 1969)

4 ottobre 2020. A 50 anni dalla tragica scomparsa di Janis Joplin, leggendaria artista rock anni ’60, una giovane attrice (Marta Mungo), fan della cantante, si chiede se sia possibile portare in scena oggi uno spettacolo che possa degnamente celebrarla, raccontandola autenticamente. Chi era Janis Joplin? Qual è il vero volto della ragazza che si cela dietro l’immagine hippie, tutta sex drugs and rock’n’roll, consegnata alla storia?

Sarà proprio ripercorrendo le tappe biografiche della prima assoluta icona femminile bianca del rock che, tra lettere, articoli, pagine di diario, memorie, aneddoti e ovviamente musica, in un dialogo metateatrale con il suo fidato tecnico di scena (Davide Del Grosso), l’attrice tenterà di riportare alla luce non solo l’appassionante carriera musicale e i successi della Joplin ma anche il profilo più intimo di Janis.

Dietro la maschera della trasgressività c’è un’insicura adolescente di Port Arthur, una “little girl blue” del Texas, che graffiando la vita e urlando al mondo la sua voglia di essere amata, tra note blues e soul, sfide perse e conquiste, ha lottato per cercare in 27 anni di vita il suo posto nel mondo. Quello di una ragazza dalla voce eccezionale che sognava una vita normale.

Una riflessione sullo straordinario talento di una teenager dalla voce inarrivabile che porta inevitabilmente a meditare anche su tematiche quali il rapporto tra la propria essenza e ciò che il successo vuole farti diventare, così come il vero senso dell’ “interpretazione di un personaggio” di fronte ad un pubblico. Si compone in questo modo il quadro di questa Little girl blue (perfetto titolo di una sua canzone) che, sempre in bilico tra rischio e desiderio, continua a rappresentare un emblema per ogni gioventù.

Janis Joplin: il rock è donna! Biografia e Storia nel nostro Ritratto  Musicale
“Non compromettere te stesso perchè sei tutto ciò che hai”, Janis Joplin
(Qui in uno scatto di fine anni ’60)

«Nell’era 2.0 si possono sicuramente trovare informazioni su Janis Joplin come capitolo della storia del rock, mito musicale della controcultura anni ’60 o esponente del Club dei 27 insieme a Jimi Hendrix, Jim Morrison e Amy Winehouse. In questo racconto teatrale però si può avere occasione di conoscerne più da vicino il lato personale e soprattutto poetico, più che documentaristico.  Mi auguro per gli spettatori usciti dalla sala che non solo (ri)scoprano la Joplin, attraverso le tappe più appassionanti e le più belle canzoni della sua carriera ma che possano legare più nettamente anche un volto e una vicenda ad un nome. Il nome di una giovane inquieta spesso oscurata dal mito. E invitare i giovani spettatori a riflettere insieme sui suoi “perché”, forse molto vicini anche ai loro. Anche se magari non espressi con altrettanta voce».

Luca Cecchelli

JANIS. Take another little piece of my heart

Ideazione: Luca Cecchelli

Testo, video e regia: Davide Del Grosso

In scena: Marta Mungo e Davide Del Grosso

Luci: Marco Zennaro

Direttore di produzione: Franco Spadavecchia

Produzione: Teatro del Buratto

Lo spettacolo sarà in scena per delle anteprime su invito e su prenotazione

1, 2 e 3 ottobre 2020 – h. 21 

Teatro Bruno Munari via Giovanni Bovio, 5 Milano

Posto unico € 10

Info e prenotazioni: prenotazioni @teatrodelburatto.it – tel. 02.27002476   www.teatrodelburatto.it

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...